...... >> LABORATORI

Parole animate
Un mondo di storie
L'ambiente racconta

Laboratori a scuola

I seguenti laboratori si rivolgono alla scuola dell’Infanzia e a quella Primaria. A seconda della fascia di età interessata si apporteranno alcune modifiche per favorire una migliore fruizione da parte del gruppo.
Oltre ai tre laboratori proposti (Parole animate sul progetto di “promozione alla lettura”, Storie dal mondo sull’”intercultura” e L’ambiente racconta… sul progetto dell’”educazione ambientale” ), la compagnia Maninalto è disponibile per formulare altri progetti a seconda della richiesta della Scuola. Si tenga presente che l’attività teatrale, l’espressione corporea e il teatro di figura possono adattarsi ai più svariati temi: dall’educazione civica a quella alimentare, musicale, artistica…Qualunque racconto di carattere fantastico, storico o psicologico può, all’occorrenza, fungere da stimolo per realizzare un laboratorio teatrale con bambini e ragazzi

Parole animate
Il progetto nasce dall’esigenza di creare le condizioni per la formazione del gusto alla lettura come fase propedeutica al piacere di leggere. Lo scopo è di favorire l’avvicinamento affettivo ed intellettuale del bambino e del ragazzo al libro. Il percorso del laboratorio si divide in due parti: nella prima gli allievi vengono guidati alla narrazione, vivendo il racconto come mezzo di comunicazione; nella seconda si passa ad una animazione concreta e pratica.

Obiettivi
• Sviluppare nel bambino e nell’adolescente la capacità di comprendere i messaggi di un testo scritto e rielaborarli attraverso l’uso del corpo, del gesto e della parola.
• Avvicinare il ragazzo al “libro”.
• Favorire l’espressione drammatico - teatrale e la creatività dando valore alla
spontaneità.
• Fornire nozioni sulla costruzione e sull’uso di pupazzi, burattini, teatro delle ombre.
• Coinvolgere e motivare gli allievi nel lavoro del laboratorio e fornirgli strumenti per poter continuare dette attività anche fuori della scuola.
• Favorire la socializzazione del gruppo classe e l’integrazione dei ragazzi svantaggiati e/o portatori di handicap.
• Aiutare a rimuovere blocchi psicologici e difficoltà espressive.

Programma
Nella prima fase del laboratorio si sperimentano varie tecniche di lettura animata che stimolino la curiosità di chi ascolta. I ragazzi sono guidati al saper ascoltare e ricostruire la storia attraverso le immagini commentandole insieme; si ricostruiscono le storie attraverso i disegni, si individuano le sequenze principali della storia.
Nella seconda fase si elabora una nuova storia collettiva che verrà poi teatralizzata.

Il laboratorio è rivolto ad un gruppo di 15 / 20 bambini o ragazzi alla volta e richiede la presenza, in classe, di almeno un insegnante che può continuare ad approfondire il lavoro integrandolo con il programma.
DURATA: 12 incontri di un’ora e mezza (una volta a settimana).
Date e costi da concordare telefonicamente.

Un mondo di storie
Lo scopo del laboratorio è quello di sensibilizzare ed educare ad un incontro tra culture diverse, riflettendo sui significati e i messaggi di una storia, rielaborandola attraverso l’uso del corpo, del gesto e della parola.

Obiettivi
• Educare all’espressione teatrale.
• Aiutare i ragazzi a rimuovere blocchi psicologici e difficoltà espressive.
• Favorire l’espressione drammatico - teatrale e la creatività dando valore alla spontaneità.
• Conoscere culture e civiltà altre.
• Sviluppare un atteggiamento critico nei confronti di un pensiero interculturale.

Temi trasversali

• Aspetti psicologici dell’educazione interculturale come presupposto per il rispetto di sé e degli altri e senso di appartenenza alla comunità.

Contenuti
• Attivazione di un laboratorio teatrale con la realizzazione di una performance conclusiva completamente gestita dagli studenti.
• Lettura di alcuni racconti provenienti da altre culture.
• Indicazione di come si crea una sceneggiatura sulla base degli spunti forniti dai racconti presi in esame.
• Alfabetizzazione teatrale.
• Realizzazione di un libro scritto e illustrato da ogni studente

Fasi progettuali
• Incontro con gli insegnanti per chiarire le finalità del progetto ed inserirlo
nel processo didattico ed educativo.
• Presentazione del progetto alla classe e giochi di socializzazione.
• Introduzione di uno o più racconti.
• Analisi e lettura critica dei testi.
• Costruzione di un libro individuale.
• Improvvisazioni teatrali singole e a gruppi partendo da alcuni stimoli suggeriti dal
racconto.
• Scelta dei temi da trattare nella rappresentazione finale.
• Stesura di una sceneggiatura più o meno dettagliata.
• Preparazione di un allestimento teatrale: costruzione dei costumi, scelta delle
musiche.
• Prove dello spettacolo.
• Rappresentazione.

Prodotto finale
• Rappresentazione dello spettacolo alla presenza di un pubblico rappresentato o dalle famiglie degli studenti o dai ragazzi di altre classi.
• Ripresa video della verifica finale del progetto.

Metodologia
• Si utilizzerà lo spazio di un’aula il più possibile sgombra.
• Verrà utilizzata la musica da accompagnamento ad alcuni esercizi di improvvisazione.
• Saranno utilizzati materiali quali: vecchi vestiti, pezzi di stoffa, cartone, tempere, pennelli, forbici, colle, pinzatrici, carta crespa, plastiche, nastri, spago, avanzi di lana (per confezionare i costumi).

Strumenti
• Libri di racconti provenienti da culture altre.
• Materiali vari (carta, stoffa, colori….).
• Registratore con lettore CD

Valutazione
• Libri scritti e illustrati, fabbricati dagli stessi studenti, che contengano: riflessioni sui temi dell’intercultura trattati insieme, impressioni e ed emozioni provate nelle varie fasi del progetto e, infine, soluzioni fantastiche e immaginarie ai problemi della convivenza con gli altri.

DURATA: 18 ore (12 incontri di un’ora e trenta).
Date e costi da concordare telefonicamente.

L'ambiente racconta
Ogni argomento di scienze naturali (dal ciclo delle stagioni a quello dell’acqua, dalla vita degli animali a quella delle piante), può fungere da stimolo per coinvolgere i bambini/ragazzi nel gioco drammatico ed essere il filo conduttore del laboratorio teatrale. Si intende attingere dalla natura: stimoli sensoriali, emotivi e motori che permettano di avvicinare il bambino/ragazzo all’ambiente come “attore”.
Si ritiene più interessante far scaturire dagli allievi stessi: osservazioni, riflessioni ed emozioni circa fenomeni ambientali, partendo dal vissuto di ognuno e non imporre mai una visione stereotipata.
Lavorare con il proprio corpo su temi naturali può avere anche un effetto tranquillizzante.
Le attività teatrali sostenute da musica o da rumori di sottofondo offrono l’occasione ai bambini /ragazzi per diventare attivi, creativi e partecipi del mondo che li circonda.

Obiettivi
• Stimolare l’immaginazione;
• Favorire l’espressione mimica – gestuale e verbale;
• Sviluppare la socializzazione del gruppo classe e l’integrazione di allievi svantaggiati e/o portatori di handicap;
• Sensibilizzare i bambini/ragazzi nei confronti dei fenomeni ambientali.
• Educare all’osservazione e al rispetto della natura.

Programma
Il laboratorio sarà diviso in due fasi:
A) Nella prima fase si proporrà al gruppo, di volta in volta, un tema diverso che abbia a che fare con il mondo della natura;
B) Nella seconda fase, si raccoglieranno alcune delle esperienze fatte per montare una performance finale che sia una sintesi del lavoro svolto

DURATA: Il laboratorio ha una durata di 12 incontri di un’ora e mazza ciascuno (una volta a settimana)
Date e costi da concordare telefonicamente.

 

Home Page Chi Siamo Spettacoli Rassegne Progetti Corsi di Formazione Stages Pubblicazioni Contatti